Noilli Prat ( Vermouth )

cocktail_beautyshot_original_dry

iniziamo a parlare di liquori per la sezione bartender

tutte le notizie storiche che pubblico e le foto  sono prese da ricerche fatte sul web o da testi specializzati (salvo indicazione specifica)

NOILLY PRAT

Lyon, inizio del XIX secolo. Joseph
Noilly osservava i fusti di vini
accatastati sui ponti delle navi
pronte a partire o che arrivavano
da varie destinazioni. Capì ben
presto che durante questi viaggi
il vino doveva assumere complessità
aromatiche uniche. In base a
questa ispirazione mise a punto
la ricetta di un Vermouth molto
complesso e la depositò. Trenta
anni più tardi suo figlio Louis, con
l’aiuto di Claudius Prat, il direttore
commerciale, realizzò il sogno
del padre impiantando uno stabilimento
su dei terreni municipali
comprati a prezzo simbolico. Per
l’elaborazione di questo Vermouth si
utilizzano uve Picpoul e Clairette, i cui vini
vengono invecchiati in botti di quercia canadese
che, grazie al loro colore chiaro,
non donano tinte forti al vino. Dopo circa
un anno il vino viene travasato in botti di
quercia Limousin che verranno esposte
a cielo aperto alle intemperie con una
perdita di prodotto in evaporazione tra il
6% e 8% circa. Dopo un ulteriore travaso
viene aggiunta della mistelle al vino.
Inizia quindi la miscelazione con un composto
di 49 piante provenienti da tutto il
mondo. La macerazione dura 3 settimane
circa. Noilly Prat Vermouth ha due “fratellini”:
Il Noilly Rouge creato nel 1956 e l’Ambre nel 1986

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...